APP Web Agency - APP Dipinge
#appblog

Droni: finalmente arrivano i taxi volanti

Pubblicato il: 28 febbraio 2017

Ci siamo. Ormai i droni non sono più appannaggio esclusivo del mondo militare. Il loro utilizzo inizia a mostrare potenzialità che fortunatamente vanno oltre le cosiddette “bombe volanti” e molto presto saremo invasi dagli innumerevoli modi di uso che queste tecnologie permettono.  

 

Gli ambiti in cui i droni sono, a oggi, abitualmente utilizzati, con un prezioso vantaggio, spaziano dal monitoraggio architettonico e ambientale alla sicurezza e tracciamento, dalle riprese video al telerilevamento. Quali sono invece le novità in termini di applicazione di questi straordinari strumenti volanti?

 

Droni “Corrieri”

La notizia lanciata da Amazon qualche anno fa e che avevamo etichettato come bufala, sta invece diventando una realtà: la consegna dei prodotti con l’ausilio dei droni.

 

Sono già partite le prime sperimentazioni: il colosso dell’E-commerce ha effettuato il suo primo test ufficiale di consegne in Inghilterra, con il primo pacco spedito e recapitato in soli 13 minuti e anche 7-Eleven, la catena di convenience store con il maggior numero di punti vendita al mondo, ha già 77 clienti a Reno, cittadina del Nevada, che hanno ricevuto i loro acquisti paracadutati direttamente a casa. Inoltre UPS  ha appena implementato il sistema di trasporto via drone sperimentando il lancio della consegna a bordo del drone dal tetto del camion. Chissà se anche i postini volanti suoneranno due volte!

 

Droni “Internet Hotspot” 

Eliminare il digital divide con droni-mongolfiera è possibile? Ci hanno puntato Google e Facebook, rispettivamente con il programma Titan e con il drone Aquila. L’obiettivo di questi ambiziosi progetti è di permettere l’accesso a internet nelle aree rurali e più remote delle Terra. Ma per il momento il titano ha perso la forza e l’aquila non riesce a fare un atterraggio soft.

 

Droni “Taxi”

Ed eccoci all’utilizzo più sensazionale, ma che in realtà tutti ci aspettavamo: i droni diventeranno un mezzo di trasporto. Si inizia a Dubai, o almeno così è stato annunciato. Da Luglio sarà possibile spostarsi da un grattacielo all’altro grazie al quadricottero elettrico EHang 184, collegato a un centro comando che monitora a distanza il viaggio via rete 4G.

 

Il drone gigante può coprire una distanza massima di 50 chilometri, a una velocità di 100 km/h, e ha un’autonomia di circa 30 minuti. Il passeggero, che non deve superare i 100 kg di peso, deve semplicemente inserire la destinazione, allacciare le cinture e godersi lo spettacolo. Necessariamente da solo.

 

Lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktum, emiro della congestionata Dubai, ha dichiarato che, entro il 2030, un quarto degli spostamenti complessivi in città avverrà tramite i taxi volanti, con l’obiettivo, temerario ma non più fantascientifico, di rendere Dubai la Smart City più felice del mondo.

 

Può un drone fare la felicità?

Aristotele scriveva “come una rondine non fa primavera, né la fa un solo giorno di sole, così un solo giorno o un breve spazio di tempo non fanno felice nessuno”. “C’è bisogno di molte rondini” gli rispondeva Aristofane. Trasformiamo le rondini in droni e il gioco è fatto! E se non basterà solo questo a garantirci la felicità, perlomeno non dovremo più temere gli scioperi dei tassisti.

Iscriviti alla mia newsletter!

Scaricate la mia company presentation

Seguitemi sui social

A presto,
APP.

APP Web Agency - APP vi saluta