APP Web Agency - APP Dipinge
#losapevateche

Dimmi come usi Facebook e ti dirò che profilo sei

Pubblicato il: 31 luglio 2017

Lo sapevate che la community più grande al mondo raggiunge i due miliardi di fan, ma è sintetizzabile in solo 4 tipologie di utente?

 

Ci sono al mondo due miliardi di utenti Facebook. Due miliardi di utenti attivi ogni mese, di cui circa 1,28 miliardi si collegano almeno una volta nell’arco della giornata alla propria bacheca.

 

Avete una vaga idea di quanti siano due miliardi? Poco meno di un terzo della popolazione mondiale, che ha da poco superato i sette miliardi e mezzo, e più della metà degli utenti internet a livello globale, che complessivamente raggiungono i 3,4 miliardi.

 

Numeri importanti, soprattutto se paragonati a quelli degli altri social più diffusi: YouTube ha di recente annunciato di aver raggiunto 1,5 miliardi di utenti al mese, mentre Instagram ne ha 700 milioni e Twitter 328 milioni.

 

Ebbene, in questa distesa immensa di individui, persone, storie sono stati ricavati in totale 4 profili, solo 4, di utenti Facebook sulla base delle abitudini e dei comportamenti che intrattengono sul social network.

 

Questo è quanto emerge dallo studio “I love Fb” realizzato da un gruppo di ricercatori, guidato da Tom Robinson, della Brigham Young University nello Utah, e pubblicato sull’International Journal of Virtual Communities and Social Networking.

 

Il professor Robinson e i suoi collaboratori hanno preparato un sondaggio composto da 48 affermazioni cui dare un giudizio lungo una scala che va dal “proprio come me” al “del tutto diverso da me”. Lo scopo è quello di estrapolare le giuste informazioni per riuscire a definire il rapporto della community con Facebook.

 

A cosa si deve la capillare diffusione del social blu? Quali sono le motivazioni che spingono gli utenti Facebook a trascorrerci così tanto tempo? Secondo una stima recente gli utenti Facebook passano sulla piattaforma almeno 35 minuti al giorno.

 

Dalle risposte, associate a interviste face to face per comprendere meglio il processo di autoanalisi rispetto all’uso dei social, sono emersi 4 profili che caratterizzano gli utenti Facebook.

 

Utenti Facebook “costruttori di relazioni”: Relationship builders

Come li definisce Robinson, gli appartenenti a questa categoria “usano Facebook come estensione dei loro rapporti con familiari e amici nella vita reale”, identificandosi più frequentemente e con convinzione nell’affermazione “Facebook mi aiuta a esprimere l’amore che provo per la mia famiglia e viceversa”.

 

Partecipano attivamente alla vita della piattaforma, pubblicando post, commentando e rispondendo agli altri utenti, al fine di intensificare i rapporti che intrattengono anche al di là della Rete.

 

Utenti Facebook “egocentrici”: Selfies

Altrimenti detti utenti “attenti ai like”, sono quelli che si riconoscono nella definizione “più ottengo like e commenti e più sono considerato”.

 

Sono fortemente concentrati sull’autopromozione, preoccupandosi in modo quasi maniacale esclusivamente della propria immagine, spesso offrendone una che non risulta fedele alla vita reale.

 

Le relazioni per questo profilo di utenti Facebook sono esclusivamente finalizzate ad accrescere il proprio ego collezionando like e attenzioni attraverso la pubblicazione di foto (spesso appunto selfie), video e aggiornamenti di stato.

 

Utenti Facebook “urlatori”: Town criers

Dallo studio viene fuori un identikit nuovo di utente mai emerso finora in ricerche simili. I Town criers vivono una netta separazione fra vita reale e mondo virtuale, abolendo da quest’ultimo qualsiasi notizia o aggiornamento sulla propria vita personale.

 

Usano la piattaforma non per condividere foto o informazioni private, che restano appannaggio del mondo reale, ma per partecipare alla vita social con la condivisione di link di notizie di interesse generali, con la promozione di eventi e lo spirito di informare.

 

Questo tipo di utenti Facebook trascura il proprio profilo fornendo poche e ristrette informazioni su se stesso e usa il social network per informarsi e informare su cosa accade nel mondo.

 

Utenti Facebook “osservatori”: Window shoppers

Chi ama stare alla finestra e sapere tutto di tutti. Sintetizzabile così il comportamento dell’ultimo profilo di utenti Facebook emerso dalla ricerca.

 

L’osservatore si interessa e si informa della vita degli altri, scorrendo i post sulle bacheche altrui e spulciando le foto e raramente pubblica informazioni su se stesso.

 

Si descrivono con affermazioni come “Posso liberamente guardare il profilo Facebook di qualcuno per cui ho una cotta e così scoprire interessi e informazioni”,  intrattenendosi a guardare cosa fanno le altre persone.

 

La finalità di presentare un simile studio non sta nel poter additare, o magari taggare, i nostri amici sotto la voce “urlatore” oppure “egocentrico”, quanto nel riuscire a fare un’analisi introspettiva sui nostri comportamenti sui social e le motivazioni intrinseche che ci spingono ad adottare un atteggiamento piuttosto che un altro. “I social media sono parte integrante di ciò che siamo ora – ha spiegato Boyle, coautore della ricerca – molte persone non pensano a quello che fanno ma se fossero in grado di riconoscere le loro abitudini potrebbero almeno esserne consapevoli”.

 

Dunque, tu che utente sei?

 

Fonte: Repubblica.it

Iscriviti alla mia newsletter!

Scaricate la mia company presentation

Seguitemi sui social

A presto,
APP.

APP Web Agency - APP vi saluta